mercoledì 28 febbraio 2018

GUEST DESIGN GLIMPS: M!R E LA SUA CESTA DEI PENSIERI


Io da piccola volevo diventare una giocatrice di pallavolo
(come Mimi Ayuhara)
oppure una rock star
(come Jem di Jem e le Hologram).
Ma avevo l’asma e non sapevo saltare inoltre non ero neanche tanto intonata.
Ecco allora che optai per diventare come Wonder Woman.
Wonder Woman nella vita di tutti i giorni era Diana Prince,
una segretaria abbastanza anonima (poteva tranquillamente essere asmatica secondo me) che però si trasformava e diventava un supereroe come Batman e Superman.
Come mi affascinava quella trasformazione lì con una piroetta ed il botto con i fuochi d’artificio!!!
Diventando grande ho scoperto che il personaggio e’ nato dalla mente di uno psicologo e servì per dare un simbolo al mondo femminile di forza, grazia e tenacia... all’interno di un ambiente, quelli dei comics, assolutamente maschile!
Insomma.. un Superman ma con più fascino;)

Come non innamorarmene?
Grazie di cuore Veronica per avermi fatta tornare un po’ bambina colorando questa tua Glimps... mi sono divertita un sacco.
Ed ecco che quando ho visto questa piccola Wonder Woman glimpizzata colorata divinamente da Troppo Stella sono tornata indietro di ....@&€:ta anni circa e ho chiesto subito a Veronica un file per me.
Ed eccola qui, la mia Diana appena trasformata (vi ricordate il telefilm?
C’era un’esplosione quando si trasformava... ecco qui l’esplosivo è la tavolozza di acquerelli)
E questa card a questo giro la regalo a ME!
Baci
Mir